Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Fino al 1° maggio il prestigioso evento nazionale in varie location di Bari e provincia

 

 

Presentazione calcio a 5

«Dopo 28 anni ospitiamo il Torneo delle Regioni, e lo facciano nell’anno caratterizzato dai numeri del boom del calcio a cinque. In Puglia, infatti, i tesserati sono passati dai 1.970 del 2008 ai 4.800 del 2016»: a dichiararlo è stato l’assessore regionale allo Sport per Tutti, Raffaele Piemontese, nel corso di una conferenza stampa (in foto) a cui hanno partecipato il presidente del Comitato Organizzatore Vito Tisci, il presiedente del CONI Puglia Angelo Giliberto e l’assessore allo Sport del Comune di Bari Pietro Petruzzelli, per presentare la massima competizione di calcio giovanile a 5, in programma dal 25 aprile al 1° maggio prossimi.

 

Organizzato dalla Lega Nazionale Dilettanti in collaborazione con il Comitato Regionale Puglia LND, il Torneo delle Regioni è patrocinato da Regione Puglia, Agenzia Regionale del Turismo Pugliapromozione, Assessorato allo Sport del Comune di Bari, ANCI Puglia e Istituto per il Credito Sportivo.


I numeri del movimento pugliese sono impressionanti se rapportati a quelli nazionali: ogni anno l’attività agonistica regionale di Futsal coinvolge 120 squadre (la maggior parte delle quali – 68 – della provincia di Bari ), impegnate in più di 1.000 partite su oltre 300 impianti. Ed è per questo che proprio nell’hinterland barese si concentreranno le 120 gare del Torneo, ospitate nei 13 impianti sparsi tra Bari, Capurso, Castellana Grotte, Cisternino, Conversano, Giovinazzo, Mola di Bari, Polignano a Mare, Noci, Sammichele e Turi.

«L’Amministrazione regionale presieduta da Michele Emiliano ha puntato sullo sport come fattore determinante della “buona vita” – ha aggiunto l’assessore regionale allo Sport per Tutti –. Perciò, oltre a catalizzare energie e passioni di tesserati e praticanti, per noi questo fenomeno popolare è una realtà importante perché diventa il migliore alleato di quella più diffusa operazione che ci spinge a integrare le politiche dello sport con quelle della salute, del welfare, del turismo, dell'ambiente, della mobilità sostenibile e della rigenerazione urbana».

Soddisfatto anche Angelo Giliberto, presidente del Coni Puglia: «Ospitare l’evento è stato possibile anche grazie all'impiantistica regionale d'avanguardia».

In Puglia arriveranno più di 1.500 tra atleti, tecnici, accompagnatori e dirigenti, appartenenti a 71 squadre in rappresentanza di tutte le regioni d’Italia. Per una manifestazione non solo di sport, ma anche di salute, turismo, enogastronomia e cultura.